image-277
image-629

#GlobalWarming

I cambiamenti climativi sono un problema globale con gravi implicazioni ambientali, sociali, economiche, distributive e politiche, e costituiscono una delle principali sfide per l'umanità.

Articoli e curiosità con un clima che cambia

in un mondo sempre più estremo

La massiccia esplosione del vulcano Tonga

squote la Terra, provocando uno tsunami verso gli USA

 2021 - Tutti i diritti riservati

Privacy Policy - Cookie Policy - Note legali

gennaio 2022

L'eruzione del vulcano Tonga nel Pacifico è stata talmente forte da scuotere la pressione atmosferica in tutto il mondo.
Un allertamento di tsunami è stato diramato negli Stati Uniti subito dopo la forte esplosione.
L'eruzione è stata talmente intensa da ripercuotersi in stratosfera.

esplosione forte del tonga.jpeg

Esplosioni vulcaniche del genere non sono comuni, ma possono avere degli effetti globali laddove si verificano, con ripercussioni meteorologiche e climatiche modulabili in tutto il mondo.

Dallo scatto satellitare possiamo vedere la massiccia nuvola di cenere dovuta all'eruzione vulcanica.
Si nota chiaramente che la nube si frammenta in alto fino a raggiungere la stratosfera.
La stessa nube è composta da anidrite solforosa, nota per gli effetti di raffreddamento globale quando questo gas viene espulso in grandissime quantità.

Il vulcano esploso: Hunga Tonga–Hunga Ha Ľapai, è un'isola vulcanica appartenente all'Arcipelago della Tonga.
Situato a nord-est delle Isole Fiji.

posizione del tonga nel globo.jpeg

In questa immagine è possibile vedere la posizione del vulcano Hunga Tonga nel globo terrestre.

struttura del vulcano sottomarino.jpeg

Hunga Tonga è un vulcano sottomarino, ciò significa che è completamente sotto la superficie dell'Oceano Pacifico.
Ha però superato leggermente il livello della superficie del mare durante un'ultima eruzione avvenuta nel 2009.

Dall'immagine si osserva la strutturazione sottomarina dell'isola.
Si vede che quest'isola è parte concreta di una caldera completamente sommersa.

Essendo il vulcano sottomarino è chiaro che nel corso di un esplosione tutto il materiale emesso andrà a contatto con l'acqua oceanica.
Acqua e magma non vanno molto d'accordo, questo sta a significare che il contatto tra le due materie può solamente amplificare un eruzione di per sé già esplosiva.
Quanto più maggiore e rapido sarà il contatto del magma nel fondo dell'oceano, più veloce e più esplosiva sarà di conseguenza l'eruzione vulcanica.

 

Dall'immagini sottostante si può inquadrare l'isola nel 2014, giacché è cresciuta parecchio dalla sua prima apparizione nel 2009.
L'attività eruttiva principale si è verificata nella parte centrale, dove si può vedere il cratere principale sulla superficie.

isola in passato.jpeg

L'isola fa parte dell'arco vulcanico Tonga parete vulcanica molto attiva. È una zona di subduzione che si estende a Nord-Est della Nuova Zelanda in direzione delle Isole Fiji.
Situato a circa 100 km al disopra di una zona sismica assai profonda.

La zona di subduzione terrestre è un punto in cui due placche tettoniche si scontrano, una va verso il basso, mentre l'altra risale verso l'alto.
Tali zone disegnano dei confini, visibili un po' come dei pezzi di crostata che si muovono lentamente sulla superficie del pianeta.
In questi confini dove due placche tettoniche si incontrano va a crearsi la zona di subsidenza con uno strato che piegandosi scivola verso il basso curvandosi. 

esempio usa.jpeg

Tornado all'Hunga Tunga si può chiaramente vedere la zona di subsidenza dall'immagine:

Un ottimo esempio di subsidenza viene dimostrato negli Stati Uniti a nord-ovest del Pacifico.
Dalla rappresentazione grafica si vede la placca di Juan de Fuca scivolare al di sotto della placca Nord americana.
Questo scontro di forza genera spesso dei terremoti e periodicamente l'eruzione di vulcani.

zona di subsidenza.jpeg

Riportando l'attenzione all'estremità in basso a destra dell'immagine dove si vede una sorta di profonda trincea.
Proprio in questo punto la placca del Pacifico subduce sotto la placca Indo-australiana.
Questo scontro sta generando anche del materiale fuso che sale nella crosta plasmando l'arco vulcanico di Tonga.

Tutte le zone di subduzione del Pacifico formano il cosiddetto "Ring of Fire" (tradotto in italiano Anello di Fuoco).

Circa il 75% dei vulcani sulla Terra (oltre 450) si trovano sull'Anello di Fuoco e anche il 90% dei terremoti sulla Terra si verificano in corrispondenza di questo percorso tettonico, compresi gli eventi sismici più violenti e drammatici.

anello di fuoco

L'ERUZIONE ESPLOSIVA DEL 2022

attimo dell'esplosione.jpeg

Il 20 dicembre 2021 il ha avviato la sua attività eruttiva dopo molteplici anni di letargo.
L'eruzione del Tonga ha causato un grande pannecchio di nube visibile da tutte le isole circostanti.
Era inoltre stato diramato un avviso alle compagnie aeree dal Volcanic Ash Advisory Center di Wellington pertanto il traffico aereo era stato deviato.

Le esplosioni furono udite a 170 km di distanza dal cratere e l'attività eruttiva iniziale proseguì fino alla mattina del 21 dicembre.
L'attività è proseguita costantemente e il 25 dicembre le immagini satellitari e evitdenziarono che l'isola era aumentata di dimensioni.

L'attività vulcanica si era nuovamente placata il 5 gennaio 2022, prima di riprendere il 13 gennaio innalzando una nuvola verticale di cenere 17 km nell'atmosfera.

L'immagine satellitare mostra la cattura dell'eruzione di Hunga Tonga il 13 gennaio.

Il vulcano ha eruttato di nuovo violentemente la mattina del 15 gennaio 2022.

È iniziata una grande eruzione esplosiva circa sette volte più potente dell'eruzione verificatasi il 20 dicembre 2021.
Numerose sono state le segnalazioni di forti esplosioni avvertite in Tonga e in altri paesi: come le Fiji, Nuova Zelanda, l'Australia e addirittura l'Alaska.

 

Ecco il video della grandissima esplosione dell'Hunga Tonga.
Focalizzando l'attenzione alle enormi onde d'urto generate e diffuse intorno al punto dell'eruzione.
Onde d'urto che nelle 24 ore successive hanno attraversato tutto il pianeta.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder